La Faradda di li Candaréri

 

 

 

 

 

Since the 13th century in Sassari the 14th of August is the day of Festha Manna , the Huge Celebration. I have been thinking a lot of the opportunity to write some notes about it, because it is a celebration that belongs to Sassaresi and as a stranger I cannot describe anything more than the wonder one feels facing the umpteenth expression of the beauty of Sassari. Searching attentively one can easily find news about this celebration and as soon as one approaches them the extraordinary beauty of this city moves towards the traveller curiosity as if it had always been waiting for the moment to be acknowledged and admired. As the historian Manlio Brigaglia reports, different moments of celebration were part of the Festha Manna in ancient times: the Faradda di li Candaléri (descent of the Candlesticks of the ancient Guilds), a palio and a lottery. The core of the Festha, however, was the Faradda, so beloved by Sassaresi to come through the centuries and healthy reach the Third Millenium.

A foreign traveller who approaches this very important tradition firstly has to let himself be involved in an extraordinary journey, which seems to begin outside the city walls, in the moment of history where Pisa suddenly appears on the horizon: Pisa, the city that invited the guilds to offer huge amounts of wax that, once placed on supports having the shape of tabernacle or candlestick, were moulded into sacred figures and carried in procession to the cathedral of S. Maria Assunta on the evening of the 14th of August; Pisa, that used to ask the guilds of the cities protected by the Republic the same contribution and that until 1283, before the defeat at the battle of Meloria, governed the city of Sassari with its civic magistrates. The city walls of Sassari are Pisan walls, so imagining to climb one of the ancient, now invisible towers of the walls, or one of those still existing in Corso Trinità, and than imagining to see Pisa in the distance is like looking at this moment in history as if it was a point on the line of the horizon. From up there the Piazza dei Miracoli appears as if it was real, on the evening of the 14th of August 1282, with the solemn procession reaching the cathedral of S. Maria Assunta, under benevolent eye of the city authorities and, as the eyes look back at the real scenery of the streets and the courtyards of Sassari, another procession appears, with the Guilds Candlesticks that descend the Platha under benevolent eye of Tano Badia de’ Sismondi, the last Pisan civic magistrate in Sassari and, after going out from the Gate of Santu Flasiu, reach the church of S. Maria di Betlem.

At this point of the journey analogies are so evident that the Faradda could be certainly defined as a celebration of Pisan origins, but a Genoese who has tasted the delicious flavour of Fainè will have no doubt in dissenting from this statement, because inside the delicious chikpea pancake of Sassari, as in every tradition of this city, there is a rare ingredient that a stranger cannot describe, it is called “sassareseria” which means more or less “being part of Sassari” and as an ingredient it is able to give unique flavour and fragrance to the faintest ability or knowledge of human beings. So the Faradda has not Pisan origin, as well as Fainè has not Genoese origin. They both are part of Sassari, they are the most genuine and vivid expression of the city and the people of Sassari. Moreover, as evident as can be, analogies do not hide differences, for while the Pisan procession was solemnly and clearly a religious celebration, the Faradda is something that could be defined its Sardinian translation: the Candlesticks descend along the Platha dancing at the sound of drums and fifes, decorated by multi coloured ribbons, ears of wheat, little ensigns that “dress” the candlesticks during the ceremony of “vestizione”, and people come from all directions, welcoming the Candlesticks and crowding around them as during an insurrection. No prayers along the route, no hymns or chants, but typical music, dance, screams of joy and incitements. The religiosity of this procession becomes evident while the Faradda reaches the church of S. Maria and the candlesticks are disposed at the foot of the bed where the statue of the Madonna “dormiente” lies. This is the moment of the entire celebration that most fascinates and moves me, this capability to stop the flowing of time, to crystallize the moment in which humanity and sanctity are visible and close to one another. The energy, the love that Faradda gathers along the route is the most precious offer.

The epidemics of plague that between 16th and 17th century almost deprived Sassari of its population, conferring a votive character to Faradda, the Sardinian obstinacy of Sassaresi in resisting to the Spanish Inquisition of the Aragons that tried to silence the joyful voice of Faradda and all the events that accompanied the Festha Manna through the centuries are like the “betti” and the “bola bola”, the multi coloured ribbons decorating the Candlesticks, they are the apparent beauty that conceals the profound meaning of this celebration. A stranger will never be able to cross this border or see what Sassaresi can see. Yet Sassari loves being seen and the gates in the city walls are not the only passages to enter its beauty. There are innumerable invisible gates “i lu cori di Sassari” inside the heart of Sassari and one of them, perhaps the most fascinating, is Poetry. More than a poem has been dedicated to Faradda, and my favourite one is a poem by Salvator Ruju, “Li Candareri”. It is more than a poem, it is a door opening to the extraordinary sight of Festha Manna. Words dance along the verses and suddenly the invisible passage opens as if by magic and Sassari appears in all its beauty:

“Dindondàn… dindondàn… E cussì sia:– Un benvinudu a tutti, un benvinudu – dìzini ribicchèndi li campani mann’e minòri di Santamaria.

Dindondàn…dindondàn…And so be it: – Welcome everybody, welcome – say, by tolling, the major and the minor bells of Santa Maria.

LMR

Full text of the poem

Cover photo: Francesco Pau, The Candlestick of the Guild of “Piccapietre” (stone-cutters) descending and dancing along the Platha.


 

 

Da oltre sette secoli il 14 agosto a Sassari è Festha Manna , festa grande. Ho riflettuto a lungo sull’opportunità di scrivere qualche appunto al riguardo, perché questa festa è dei sassaresi e per i sassaresi, un forestiero non può descrivere niente altro che la propria meraviglia di fronte all’ennesima manifestazione della bellezza di Sassari. A cercare con attenzione, le notizie attorno a questa festa non mancano e appena ci si avvicina ad esse, la bellezza straordinaria di questa città corre incontro alla curiosità del viaggiatore come se non avesse atteso altro che il momento di essere riconosciuta e ammirata. Come riporta lo storico Manlio Brigaglia, la Festha Manna anticamente era costituita da diversi momenti di festa: la Faradda di li Candaréri (Discesa dei Candelieri delle antiche corporazioni), un palio e una lotteria. Il fulcro della Festha però era la Faradda, talmente amata dai sassaresi da attraversare i secoli e giungere in ottima salute fino al Terzo Millennio.

Un viaggiatore forestiero che si accosti a questa importantissima tradizione deve, come prima cosa, prepararsi ad essere coinvolto da un viaggio straordinario, un viaggio che sembra cominciare fuori dalle mura della città, nel punto della storia in cui Pisa compare all’improvviso all’orizzonte: Pisa… che invitava le sue corporazioni a offrire ingenti quantità di cera con cui venivano modellate figure sacre che, montate su sostegni a forma di tabernacolo o candeliere, la sera del 14 di agosto venivano portate in processione in onore dell’Assunta fino alla cattedrale; Pisa, che chiedeva un contributo simile anche alle corporazioni delle città che si trovavano sotto la sua protezione e che fino al 1283, prima cioè di essere sconfitta dai genovesi nella battaglia della Meloria, governava Sassari con i suoi podestà. Le mura di Sassari sono mura pisane, perciò salire idealmente su una delle tante torri ormai invisibili della cinta muraria, o su quelle di Corso Trinità e immaginare Pisa in lontananza, equivale a guardare questo tratto della storia come fosse un punto sulla linea dell’orizzonte. Da quassù si può vedere la Piazza dei Miracoli, la sera del 14 agosto 1282, con la solenne processione che, sotto lo sguardo benevolo delle autorità, avanza e raggiunge la Cattedrale di S. Maria Assunta e poi , volgendo lo sguardo alla splendida e reale scenografia delle strade e delle corti di Sassari, vedere nello stesso momento i Candelieri dei Gremi, le corporazioni di arti e mestieri della città, scendere lungo la Platha sotto lo sguardo benevolo di Tano Badia de’ Sismondi, l’ultimo podestà pisano a Sassari e, superata la Porta di Santu Flasiu, arrivare fino alla chiesa di Santa Maria di Betlem.

A questo punto del viaggio le analogie fra le due feste sono già così evidenti che la Faradda sembrerebbe essere certamente una festa di origine pisana, ma un genovese che abbia avuto il piacere di gustare la fainè non avrà dubbi nel dissentire da questa affermazione, perché nella deliziosa farinata sassarese, così come in ogni tradizione di questa città, c’è un ingrediente raro e impossibile da definire per un forestiero: la “sassareseria”, capace di donare un sapore e un profumo unici ad ogni più piccola abilità o conoscenza umana. La Faradda, quindi, non è di origine pisana tanto quanto la fainè non è di origine genovese. Entrambe appartengono a Sassari, anzi sono l’espressione più viva e autentica della città e della sua gente. Inoltre, per quanto siano evidenti, le analogie non nascondono le differenze: mentre la processione pisana era solennemente e dichiaratamente religiosa, la Faradda è come se fosse la sua traduzione in sardo. Lungo la Platha i Candelieri scendono ballando, al ritmo di tamburi e pifferi, ornati di nastri colorati, spighe, piccoli stendardi applicati durante la “vestizione” e la gente accorre e accoglie il loro passaggio affollando la Platha con un disordine degno di una sommossa popolare. Nessuna orazione lungo il percorso, né inni sacri, ma musica di popolo e balli e grida di gioia e incitamenti. La religiosità di questa processione si manifesta quando la Faradda raggiunge la chiesa di Santa Maria, dove i Candelieri vengono deposti ai piedi del letto sul quale, secondo il rito bizantino, giace la figura dormiente di Maria. È questo il momento dell’intera celebrazione che più mi affascina e mi commuove, questa capacità di fermare il tempo, di cristallizzare l’istante in cui umanità e santità sono visibili e vicine: la vita, l’amore che la Faradda raccoglie al proprio passaggio sono l’offerta più preziosa.

Le epidemie di peste che tra ‘500 e ‘600 svuotarono la città conferendo alla Discesa dei Candelieri un carattere votivo, la sarda ostinazione dei Sassaresi nel resistere alla spagnola Inquisizione degli Aragonesi, che tentò invano di zittire la voce gioiosa della Faradda e tutte le vicende che nei secoli hanno accompagnato lo svolgersi della Festha Manna sono come i “betti” e i “bola bola”, i nastri e le coccarde che adornano i Candelieri, sono la bellezza apparente dietro cui si celano il mistero e il significato profondo di questa festa. Un forestiero non potrà mai oltrepassare questo confine né assistere alla Faradda vedendo ciò che vedono i sassaresi. Tuttavia Sassari ama essere guardata e le porte della città non sono i soli passaggi per cui accedere alla sua bellezza. Ci sono innumerevoli passaggi invisibili “i lu cori di Sassari” nel cuore di Sassari e uno di questi, forse il più affascinante, è la Poesia. Diverse poesie sono state dedicate alla Faradda, quella che preferisco è di Salvator Ruju ed è intitolata “Li Candaréri”. È molto più che un testo poetico, è un uscio che si schiude poco a poco sullo spettacolo straordinario della Festha Manna. Le parole danzano nei versi ed ecco che il passaggio invisibile si apre per incanto e Sassari appare in tutta la sua bellezza:

“Dindondàn… dindondàn… E cussì sia:– Un benvinudu a tutti, un benvinudu – dìzini ribicchèndi li campani mann’e minòri di Santamaria.”

LMR

Testo integrale della poesia

In copertina: Francesco Pau, Il Candeliere del Gremio dei Piccapietre scende danzando lungo la Platha.